Seleziona una pagina

In una situazione di incertezza globale come questa, essere un’azienda sponsor non è affatto facile!

Gli sponsor di sport di contatto come quelli di team (calcio, basket, rugby) hanno seri problemi pensando alla mancanza di visibilità che i match a porte chiuse inevitabilmente portano con sè. Per non parlare della mancata possibilità di venire a contatto diretto con i tifosi e tesserati della società con operazioni dirette e mirate.

Per questo esistono strategie di sponsorizzazioni (in inglese sponsoship strategy) capaci di ovviare a questo problema. Pirelli in questo senso è un esempio per tutte le aziende. Ha sponsorizzato l’Inter, ma non solo! Ha anche la Formula1 e Luna Rossa nella vela. Questa diversificazione, come in qualsiasi investimento, minimizza il rischio.

Cosa intendo dire? Non investire l’intera somma in un unica sponsorizzazione! Spezzettala e dividila con attenzione in linea con il tuo target. Sport meno famosi possono dare maggiore visibilità a livello nazionale con pari importo di, ad esempio, società di calcio dilettantistiche. Per non parlare della possibilità di sponsorizzare all’estero o sport che in una particolare zona geografica hanno un interesse da noi non conosciuto. Esattamente in linea con le zone di interesse per lo sviluppo del tuo business.

Anche i testimonial sportivi sono una leva di comunicazione da non sottovalutare. Sono, in alcuni casi, dei veri e propri influencer per determinate community di sportivi e possono, a cifre contenute, permettere ritorni interessanti.

Le opportunità non mancano di certo, bisogna avere la pazienza e l’attenzione dovuta quando si parla di investimenti. Per ulteriori informazioni sulle possibili opportunità della sponsorizzazione sportiva non esitare a contattare Sporthink alla mail: info@sporthink.it