Seleziona una pagina

Avete notato? Spesso il sottodimensionamento delle realtà sportive porta all’iperattivismo. Non si ha tempo di leggere, riflettere, pensare. Si deve fare tanto, tutto e possibilmente subito.

Quanti discorsi finiscono nelle dirigenze sportive con “questa cosa è urgente, andava fatta ieri.” ?

Mi collego allora a questo video di Paolo Pugni


Quanto farebbe bene alle realtà sportive dare spazio al personale per riflettere e, magari formarsi, in modo da tornare con energie nuove all’interno. Perchè logorarsi in questa maniera? La febbre del fare, la credenza che pensare faccia male e non sia produttivo spesso spinge ad errate valutazioni.

Pensiamoci.