Seleziona una pagina

Riprendendo un discorso di Marco Montemagno che mi ha molto colpito, effettivamente possiamo dire che c’è un’Italia pre-Covid e una post-Covid.

L’Italia uscita dalla pandemia ha un’immagine vincente in vari fronti.

La Ferrari che sta rialzando la testa nella Formula 1 dopo una grave crisi, il basket che arriva in finale di Eurolega, la pallavolo che domina, il softball che vince gli europei e viene seguito a ruota dalla più celebre squadra di calcio.

Specie quest’ultima più famosa e conosciuta, ha dato una spinta importante a questa immagine vincete di carattere sportivo, un’immagine spensierata, gioiosa e di speranza. Spesso la Figc ha giocato con il periodo rinascimentale anche nella creazione delle maglie ed è stato un motivo vincente.

Anche negli sport individuali non facciamo mancare mai gli exploit. Sci alpino, Snowboard, Sci di fondo e l’assegnazione quinquennale delle ATP Finals a Torino fanno sì che anche gli ottimi atleti italiani impegnati in questo sport abbiano ulteriore visibilità. Berrettini, Sinner e Sonego su tutti.

A questa immagine vincente dello sport va aggiunta la fresca ed insolita immagine musicale dei Maneskin, leader a livello mondiale negli ultimi mesi. Sono certo una leva importante per far scoprire una musica italiana che sia oltre le conosciutissime Pausini e co.

Tutto questo successo va capitalizzato e incanalato per una migliore immagine dell’Italia che certamente Draghi e le riforme che si stanno (speriamo) attuando un poco alla volta, facciano del sistema Italia, qualcosa di appetibile per investimenti, turismo, etc.

Il mio quindi è un invito ai tutti i direttori marketing di aziende e ai colleghi dei settori d’eccellenza di tutti i settori (sport incluso), vendiamoci al meglio creando sponsorship, partnership e alleanze di tutti i tipi! Questo fare sistema e comunicarci come vincenti, così come ci vedono tutti ora, non può che portare giovamento al PIL, ai risultati aziendali, ai risultati sportivi futuri.

Abbiamo grandi leve di comunicazioni, ma sono leve che nel tempo, se non colte, scompariranno. Il momento è ora,