Articoli in Evidenza

13 febbraio 2018

Auxilium Torino e lo sport management

Vedendo il caos che si sta generando all'Auxilium Torino  di basket viene spontaneo fare una riflessione che riguarda il dirigere una società sportiva.
Nell'ambito italiano, gestire una realtà sportiva è visto in tre modi:
- un lavoro serio simile alla gestione aziendale
- una passione presa seriamente ma con metodi caserecci
- un gioco

Nel primo caso, la gestione viene fatta in modo molto serio ed impegnato. Un modello veramente europeo.
C'è un organigramma preciso e, man mano che i denari lo permettono, ramificato.
Ogni funzione ha una responsabilità ed un professionista che ne è responsabile.
Questo genere di gestione è quello che col tempo ottiene risultati e permette redditività a lungo termine.

Nel secondo caso, la gestione viene fatta in modo competente ma con metodi anarchici.
Non ci sono ruoli definiti, la proprietà non si limita a fare la proprietà ma fa ingerenze nell'ambito tecnico e pressioni in altri settori per seguire i propri obiettivi anche se contrari ad opinioni di professionisti del settore.
Nel breve periodo posso ottenere anche risultati, ma col tempo il gioco si rompe.

Nel terzo caso il gioco dura poco, pochissimo.
Investimenti a pioggia in modo disordinato e con la piazza che presto si trova a tifare contro la dirigenza che si ritrova a gestire un malcontento difficilmente sanabile.

Nessun commento:

Posta un commento

Lo sport è condivisione! se ti va fammi sapere cosa ne pensi di quanto trovi in questo post

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...