Articoli in Evidenza

20 aprile 2016

Giro 2016: lo spot RAI e le pecche di sempre

Avrei voluto parlarvi dello spot RAI per il giro d'Italia 2016.
Avrei voluto soffermarmi sul fatto che è uno spot davvero ben fatto!
Racconta in modo epico, altamente emotivo cosa sia il ciclismo, audio ed immagini alzano l'adrenalina in chi lo vede. Davvero uno storytelling molto ben fatto!

Però avrei dovuto anche farvelo vedere, lasciare il link.
Qui sorge la critica. Appena visto in TV, non è rintracciabile online.
Una delle prime regole è quella della viralità dei prodotti di qualità... se non me lo fai trovare sul web, come posso far girare la voce sul tuo prodotto e darti una promozione che aumenta il valore per te che produci?

E tu Giro d'Italia non controlli? Non promuovi anche tu il tuo prodotto?

Vecchie abitudini che si ripetono. Errare è umano, perseverare...

2 commenti:

  1. Niente, continua a non esserci una sola versione online. È talmente bello che volevo mostrarlo ad un amico ciclista, ma dovrò desistere. E sì che non ci vuole chissà quale abilità tecnica per caricare un video su YouTube o su uno qualsiasi dei loro stessi siti, ne caricheranno a centinaia ogni giorno. Ma che senso ha spendere chissà quante migliaia di euro per un video simile e non spendere 3 clic per metterne una versione online?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un problema che purtroppo capita in RAI... non hanno speso molto, lo avranno fatto all'interno, ma il discorso è quello che dici tu... i ciclisti si identificano con quel video e potrebbe diventare fenomeno virale... grazie e seguici ancora!

      Elimina

Lo sport è condivisione! se ti va fammi sapere cosa ne pensi di quanto trovi in questo post

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...