Articoli in Evidenza

24 febbraio 2016

Fradi shop: ecco come fare merchandising! (parte I )


Una delle esperienze davvero esaltanti che ho potuto vivere nel periodo a Budapest è la visita alla Groupama Arena al centro direzionale della Ferencvarosi Torna Club, più conosciuta come Fradi.
E' in pratica la Juventus d'Ungheria, una squadra che sta progettando in modo moderno il proprio futuro.
Stadio di proprietà, con all'esterno un cafè ed un ristorante a tema (in Italia mancano anche allo Juventus Stadium) ed ovviamente il negozio per tifosi del Fradi.
Noi siamo andati a vederlo ed abbiamo scoperto un sacco di cose interessanti!

Guardando tra gli scaffali abbiamo notato la vendita di vini logati con il simbolo della squadra, per festeggiare degnamente alle vittorie della squadra.


Questo genere di gadget è fatto anche in Italia, il Torino F.C. è tra coloro che nella Serie A sviluppa questo genere di merchandising.

23 febbraio 2016

Puskas: il mito indimenticabile

Ci sono miti sportivi che non muoiono mai.
Specie nel calcio, quando un giocatore segna un'epoca per una città o una nazione questo viene consacrato a mito immortale.
A Napoli si vendono ancora magliette di Maradona, a Budapest si torna ai tempi di Puskas.
Ecco quindi spuntare negli store per turisti, spazi appositi in cui comprare ogni genere di oggetto con faccia, nome, autografo stampato di Puskas.
Un mito sportivo che identifica tutto lo sport ungherese, in quanto il calcio è certamente lo sport più famoso e diffuso al mondo.
Laslo Ceh , campione di nuoto, non può competere con questo mostro sacro del soccer!
In questo in Italia non abbiamo avuto coraggio di rendere immortali campioni sportivi. 
Roberto Baggio, per esempio, tra tutti i calciatori è certamente un campionissimo amato ovunque, tuttavia non si è voluto o potuto creare un business che potesse anche promuovere i valori positivi che il "divin codino" caldegga da sempre (fairplay, rispetto, onestà).
Con Puskas gli ungheresi sono andati oltre, hanno già un sito web, una memoria eterna, hanno un pub a Budapest. Il mito non muore mai e continua a far sognare gli appassionati del calcio.

17 febbraio 2016

Lo sport che ė nell'aria in Ungheria


La prima cosa per andare in Ungheria è prendere un mezzo che porti a destinazione.
Sull'aereo della compagnia ungherese Wizz il magazine parla subito di sport.
Il primo articolo è su un atleta davvero straordinario: Djokovic ! Certo nell'est europeo è davvero un simbolo, un mito.
Pagine leggermente  più avanti trovo una pubblicità davvero interessante.
Bansko, località sciistica bulgara, ha infatti acquistato numerose pagine del magazine per promuoversi al pubblico come luogo ideale per sciare. Pubblico non solo balcanico dato che gli annunci sono in inglese e riportano tutta una serie di informazioni su come raggiungerla con i voli Wizz.
In fine noto con piacere che la compagnia ungherese per affermare il proprio marchio sui Balcani ha deciso di sponsorizzare anche una maratona importante in quella parte d' Europa : la Skopje marathon .
Skopje sembra infatti, essere una città davvero intenzionata ad essere conosciuta a livello internazionale  e l'organizzazione  di una maratona internazionale  con sponsor importante come Wizz è  certamente il tipo di approccio giusto. Promozione  turistica e sport anche nei Balcani vanno a braccetto.

16 febbraio 2016

Lo sapevi che lo sport in Ungheria...?

Come scritto in un post precedente, ho passato gli ultimi giorni in giro per l'Ungheria, o per meglio dire, per la sua capitale: Budapest.
Oltre alla bellezza che da turista si può apprezzare, ho tratto parecchi spunti per i prossimi post su questo blog. C'è parecchio di cui riflettere, qualcosa da imitare, perchè il mercato ungherese è fortemente sviluppato con modelli anglosassoni e quindi all'avanguardia nel merchandising e nello sponsoring.
Si vive nel mito di Puskas, il più grande sportivo ungherese di tutti i tempi, ma è anche vero che le ambizioni sono tali da far concorrere Budapest alle prossime olimpiadi da assegnare, in concorrenza con Roma. Sarà anche capitale dello sport europeo nel 2019.
Parliamo quindi di un settore, lo sport, che è evidentemente vivo in questa città, un elemento che forse deriva anche dal fatto che i regimi, sia di destra che di sinistra, puntano molto sulla pratica sportiva d'elite come strumento di propaganda.
Certamente è uno strumento turistico se persino la compagnia di bandiera nel suo magazine riporta un articolo, il primo, relativo allo sport. Una pubblicità in cui mostra di essere sponsor di una importante maratona dell'est oltre alla pubblicità di una località sciistica importante nei Balcani come Bansko (Bulgaria).

Da domani una tematica sempre diversa su cui riflettere e paragonare noi con loro, per crescere come sistema.
Un grazie finale, voglio però lasciarlo a Maria De Caro che da traduttrice mi ha permesso di sopravvivere per quattro giorni all'estero, un aiuto prezioso.

9 febbraio 2016

Grand sport Budapest?


Questa settimana non ci sono nuovi post o news sul blog.
Sono in viaggio a Budapest, per conoscere lo sport ungherese e capire cosa spinge questa città a candidarsi per le olimpiadi e per essere capitale dello sport europeo...
a presto le novità, ma se vuoi seguire il mio viaggio seguimi su Instagram!
arrivederci al 9 febbraio!

3 febbraio 2016

FISI: Campioni Italiani indietro nel contatto con i tifosi

Per una volta ho provato a fare l'appassionato così come lo sono, degli sport invernali.
Sono rimasto deluso dai nostri campioni, così come potrebbe esserlo chiunque di voi che volesse avere gli autografi dai suoi beniamini.
Ho scelto i nomi più importanti del panorama invernale italiano ed ecco il risultato:


  1. Peter Fill non ha un sito web sebbene ne venga indicato uno sul profilo Instagram... irritracciabile.
  2. La coppia del ghiaccio Capellini/La Notte è altrettanto sprovvista di possibilità di contatti, un vero peccato !
  3. In scia va anche Dorothea Wierer, bella e impossibile da raggiungere.
  4. Situazione leggermente migliore per lo sprinter del fondo, il super Pellegrino! il web c'è, impossibile capire come contattarlo per avere la cartolina con autografo.
  5. Le sorelle Curtoni hanno ciascuna un blog, ma niente info su come avere gli autografi.
  6. Finalmente note liete dal nostro Gros
  7. bene anche Pittin che si affida ad una società di management sportivo per gestire il tutto
  8. la migliore è Federica Brignone, facile accesso alle informazioni, risultano chiare e complete una marcia in più rispetto agli altri, che facilmente possono copiare la buona prassi.
Sarà che è lo sport più ricco tra quelli invernali, ma certamente i siti e le informazioni migliori non è un caso che arrivino dagli atleti dello sci alpino.
Agli altri basta copiare bene a costo zero.

2 febbraio 2016

Intervista esclusiva a Valentino Cristofalo (Carpi Football Academy):

Oggi il blog ospita un'intervista speciale. Quella a Valentino Cristofalo responsabile della comunicazione della Carpi Football Academy. Buona lettura!

Dott. Valentino Cristofalo, tu ti occupi della football academy del Carpi, cosa si fa in particolare nella comunicazione di una scuola calcio ? Quali media sono più importanti?

Siamo nell’era della comunicazione online e quindi ovviamente i social network sono i mezzi di comunicazione più importanti, essenziali per una Scuola Calcio dilettante come per un Club professionista. Le attività che si vanno intraprendere sono in una doppia direzione: comunicazione interna e comunicazione esterna. I Risultati del weekend, le cronache delle partite, i servizi fotografici dai campi, le interviste ai protagonisti oltre ad ogni comunicazione di servizio. In più queste piattaforme sono essenziali nel rapporto e fidelizzazione con i tifosi, nello sviluppo delle partnership e sponsorizzazioni, nell’approfondire eventi e manifestazioni nel quale il club è coinvolto.

Il calcio non è solo di alto livello, come il già citato Carpi, ci sono realtà più piccole. Quali problemi hai riscontrato maggiormente nella dirigenza ?

Io sono quattro anni che lavoro nel calcio professionistico, sempre nel settore Affiliazione e quindi a contatto con il settore giovanile. Personalmente non ho mai incontrato problematiche particolari, anzi, in base alla mia esperienza, ho notato che lavorare in un club “piccolo” le opportunità sono molte, il contatto con i dirigenti e gli atleti è più diretto e quindi ho potuto fare una grande esperienza e acquisire diverse competenze negli anni, aspetto fondamentale per un giovane come me.

So che la responsabilità sociale nello sport è per te una cosa importante. Perché? Cosa può dare di più una società sportiva impegnata nel sociale?

Ho negli ultimi anni approfondito la tematica della responsabilità sociale applicata allo sport per passione e per lavoro. Con la Project SPORT Management, Società di servizi e consulenza per lo sport, di cui sono Amministratore, abbiamo creato una apposita area dedicata, PSM Social Responsability, dove ci occupiamo proprio di questa tematica. Credo che come le grandi aziende, ogni società sportiva dovrebbe investire parte delle sue risorse in attività di solidarietà e beneficienza, creando valore e diffondendo valori, salvaguardando la funzione sociale dello sport. Un esempio eccezionale è la Lega di Serie B costantemente impegnata in iniziative e progetti del genere.

Ci sono anche vantaggi economici nell’essere socialmente utili ed attivi?

Al di là dell’impegno morale di ognuno di noi, il profilo socialmente responsabile di un club porta ad accrescere, valorizzare e potenziare l’immagine societaria. Il riscontro è evidente in termini di sviluppo del brand, quindi di visibilità, e di conseguenza di interesse verso gli stakeholder esterni. Una società attiva da un punto di vista sportivo e di responsabilità sociale è sicuramente un palcoscenico molto interessante per potenziali partner e sponsor. Non sono oggi in grado di quantificare quanti vantaggi economici possa portare una filosofia di lavoro responsabile, ma sicuramente l’impatto è forte ed immediato anche in termini di business. 

RESPONSABILE COMUNICAZIONE CARPI FOOTBALL ACADEMY

ADMINISTRATOR Project SPORT Management
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...