Articoli in Evidenza

30 giugno 2015

La Powervolley Milano ci fa capire come non si gestisce una società sportiva

La situazione attuale del volley Milano è abbastanza confusa, non si muove nulla e ci sono problemi a trovare il palazzetto per l'anno prossimo.
Problemi che se si guarda bene nascono dalla solita mentalità che troviamo nello sport italiano, ovvero la volontà di mandare avanti le società sportive di alto livello senza dirigenti professionisti ed impegnati in modo continuativo sulle problematiche della società sportiva.
La scelta, ovviamente, non sta pagando ed anzi non ci sono colpi di mercato, non ci sono soluzioni all'orizzonte ed una realtà come Milano che merita certamente una squadra di alto livello, rischia di vedersi relegata a semplice comparsa nel prossimo campionato.
Lo ribadiamo ancora una volta, anche perchè i fatti ci danno ragione sempre di più, lo sport ai dirigenti professionisti con contratti annuali e non ad interventi spot.
Il professionismo non è solo da mettere in campo ma anche negli uffici.

25 giugno 2015

Sponsor Check: intervista ad Andrea Randin

sponsor check come è nata? 
Sponsorcheck nasce dall’esperienza sportiva che Andrea Radin ha maturato nella pallavolo da quasi 20 anni.
Giocando in varie squadre tra la serie A2, B1 e B2 mi sono ritrovato personalmente e poi visto amici alcune volte nel problema non veder onorato gli accordi economici presi con la società sportiva perché gli sponsor non mantenevano gli impegni presi. Inoltre a volte ho visto società storiche chiudere per problematiche aziende sponsor perché avevano avuto accertamenti fiscali o si ritrovavano in una situazione di crisi.

Dalla passione per lo sport e dell’economia, particolare con la finanza aziendale, è nata l’idea di creare un portale che supportasse il mondo dello sport nell’analisi, valutazione e monitoraggio delle sponsorizzazioni sportive per cercare di prevenire criticità nelle squadre.
In altre parole il responsabile di una società può avere avere informazioni certe e in tempi rapidi relativamente agli Sponsor (in portafoglio e potenziali) come il grado di affidabilità, il rating, lo stato patrimoniale e conto economico; informazioni sui soci e membri della direzione aziendale (amministratore, consiglieri) e le eventuali negatività (protesti, procedure concorsuali, ecc…)..
Inoltre tengo a ricordare che i report che viene fornito da un’azienda di rating che opera a livello internazionale e che la valutazione avviene sia per aziende italiane che europee.
Oltre a questa fotografia è possibile anche avere un monitoraggio annuale della situazione dello sponsor, con sede in Italia, e se si presentano delle negatività o variazioni dell’azienda noi avvisiamo la società sportiva

quale sport può usare sponsorcheck, solo di squadra, solo professionistico? 
Sponsorcheck può essere usato da qualsiasi sport sia individuale che di squadra.

Non c’è nessuna distinzione per squadre del mondo professionistico o dilettantistico in quanto ci sono degli sport dove il professionismo non esiste ma ci sono sia associazioni sportive che società sportive (intendo srl e spa) che hanno bisogno di importanti risorse per affrontare il campionato.

come sponsor check può aiutare la piccola realtà sportiva? 
Certo sponsorcheck può aiutare la piccola realtà sportiva visto che il prezzo è accessibile.

Nel caso di piccole realtà si può considerare utile utilizzare il servizio per quegli sponsor che hanno un certo importo sul paniere e che potrebbe essere determinante per il mantenimento dell’associazione sportiva.

24 giugno 2015

Euro 2016: il bellissimo nuovo stadio di Bordeaux

Figlio degli stessi architetti (J.Herzog e P de Meuron) capaci di costruire l'Allianz Arena e il Nido d'Uccello di Pechino, lo stadio di Boerdeaux è nella stessa linea ideativa e degno della reputazione di questi architetti.
Già chi lo ha visto dal vivo lo incorona come il più bel stadio della manifestazione Euro 2016.
Uno stadio che fa percepire agli spettatori non una sensasazione di luogo chiusa ma bensì aperto.
Lo stadio ha 42.115 posti  sedere, tutti coperti.
La struttura è stata costruita con un partenariato pubblico-privato tra il comune di Bordeaux e la Vinci Stadium, il campo erboso è misto naturale/sintetico, ci sarà persino la connesione Wi-Fi in HD.
concepito non solo per il calcio ma per altre manifestazioni di tipo popolare.
Prima missione, quella di trovargli un nome, base minima per il naming 3,9M€ per anno per 10 anni di contratto.

23 giugno 2015

PSG: ecco le novità per il 2015/2016

I tempi sono difficili, anche a Parigi.
A causa della crisi che investe la Ligue 1 e che ha permesso, senza troppe difficoltà o sorprese, di riconquistare per la quarta volta di fila il titolo di campione nazionale.
Ma l'obiettivo è quello di conquistare la Chanpions League.
Quest'anno si è compreso che lo scarto con il Barcellona è ancora ampio.
Si è stabilito che il costo di Messi + Neymar + Suarez è pari a 550 M€, cioè 250M€ Messi e 150M€ gli altri due.
Differenza notevole rispetto al trio Ibra, Cavani, Lavezzi anche nei goal visto che il PSG è rimasto a secco da parte loro nella partita contro i Catalani.

Per il mercato in uscita quindi, si parla di:
Cavani 64M€, Lavezzi 31M €, Cabaye 24M € e Digne 15M €
Sebbene il presidente del club parli di Cavani come del futuro del club, dipenderà dalle offerte.

La domanda tuttavia, più importante è "quando ci sarà un direttore sportivo?"
La sitazione attuale, senza più Leonardo, risulta problematica e gli attuali rimpiazzi non sembrano all'altezza delle ambizioni del club parigino.

fonte France Football

17 giugno 2015

Ecco le novità sui biglietti per Euro 2016!

La fase finale degli europei di calcio si terrà in Francia dal 10 giugno al 10 luglio 2016.
Il comitato organizzatore ha optato per una politica di prezzi attraente, 210.000 biglietti a 25€ saranno così disponibili.
Tutti i biglietti saranno disponibili senza agevolazioni per chi vive in Francia al sito euro2016.fr
Risulta possibile già connettersi a questo ito ufficiale e creare il proprio listino biglietti.
Il profilo permette di acquistare i biglietti per qualsiasi match senza alcun tipo di vincolo, finale compresa.
Unica limitazione il numero massimo di biglietti per match, quattro per persona.
Le date delle partite tuttavia, saranno rese note solo il 15 dicembre 2015.
Per eventuali eccedenze di richiesta,relativa a questa offerta promozionale, si valuterà la possibilità di una estrazione a sorte dei biglietti. Altri biglietti, si parla di 800.000 saranno dati alle federazioni che parteciperanno alla fase finale della competizione.

fonte France Football

16 giugno 2015

Blatter family: i sospetti di egemonia sullo sport

Il nome è sconosciuto, il cognome no.
Philippe Blatter è il nipote di Sep Blatter, colui che detiene il potere da ben 5 mandati alla FIFA, massimo organo del governo del calcio mondiale.
Ma i Blatter, non si fermano a questo, infatti Philippe è anche figlio di Marco, ex-direttore del comitato olimpico svizzero.
Ha venduto da poco Infront, il massimo produttore media nello sport ai cinesi, ma resterà al comando fino al 2020.

Arrivò al comando di Infront, sotto numerosi sospetti, in quanto la società era in collaborazione con la FIFA, a cui capo c'era già lo zio.
Ma ancora dubbi vengono citati su "Calcio e Finanza", infatti si dice che: "non è stato l’ultimo caso in cui sono sorti sospetti sul nome di Blatter jr. Nel 2011 Infront è stata ceduta dai tre azionisti (Jacobs Holding, Junkermann Group e Dr Martin Steinmeyer) per una cifra tra i 500 e i 650 milioni di euro a Bridgepoint, un fondo inglese di private equity vicino a Philippe Blatter, che poi è stato riconfermato nel doppio ruolo. Su Infront c’era l’interesse – poi svanito – anche di un fondo del Qatar, al quale era stato assegnato meno di un anno prima il Mondiale 2022. I diritti tv dei prossimi due Mondiali, in Russia e in Qatar, saranno gestiti da Infront."

Insomma, non solo in Italia essere figli di papà è importante...

10 giugno 2015

Indiscrezioni danno bloccata la Ligue 2 in Francia

Certi presidenti s'inquieteranno di già a questa incredibile ma possibile possibilità.
Le tre retrocesse in lega nazionale dalla Ligue 2 potrebbero essere ripescate.
Questa soluzione unica negli annali è del tutto possibile.
Nimes Olympique è già stato retrocesso a causa delle accuse sui match truccati.
Gervel Martel pretende di trovare 15 M€ per salvare il RC Lens, ma con scarse possibilità.
Dato che il Nimes e il Lens sono retrocessi in pratica alla lega nazionale e se il Bourg - Peronnas rifiuta la promozione, le tre retrocesse sul campo non dovranno più scendere di campionato.
Si pensa ad una modifica dei regolamenti con solo due retrocessioni e due promozioni, ma i tempi come sempre sono molto lunghi e si toccano molti interessi non sempre simili.
Tutto il mondo è paese...
(fonte France Football)

9 giugno 2015

27 appuntamenti con lo sport e le emozioni: Special Olympics e Mitsubishi Electric

Per il terzo anno consecutivo Mitsubishi Electric ha scelto di essere uno tra i maggiori sostenitori a livello nazionale dell’Associazione Internazionale SpecialOlympics, che dal 1968 si occupa della diffusione a livello mondiale di programmi di allenamento e competizioni atletiche riservate a persone con disabilità intellettive. Un programma sportivo riconosciuto dal Comitato Olimpico Internazionale, e praticato in oltre 170 paesi nel mondo con quasi 4.000.000  atleti e oltre 1.000.000 di volontari.

E come negli scorsi anni, anche per il 2015 un gruppo di collaboratori Mitsubishi Electric parteciperà come team di volontari ad alcune tappe di Play the Games. Organizzati e promossi da Special Olympics Italia, Play the Games sono i 27 gli eventi in calendario da marzo a giugno su tutto il territorio nazionale, organizzati in sostituzione al tradizionale appuntamento annuale con i Giochi Nazionali Estivi. Una nuova formula pensata per la concomitanza con i Giochi Mondiali di Los Angeles che si terranno a luglio.
Durante “Play the Games” i nostri Atleti saranno impegnati in diverse discipline sportive quali basket, tennis, ginnastica artistica, pallavolo, calcio, nuoto, canottaggio ecc. Lo sport sarà ancora una volta il mezzo che aiuterà i nostri Atleti nella crescita personale, nell’autonomia e nell’integrazione sociale. Al loro fianco, oltre alle famiglie, ci saranno come di consueto diversi team di volontari.
Ed è proprio sul ruolo dei volontari che vogliamo focalizzare la vostra attenzione.  Il loro compito è da sempre quello di sostenere da vicino i ragazzi, condividendo momenti emozionanti e divertenti e supportandoli nella fatica con parole di conforto ed incitamento. Chi ha fatto il volontario per Special Olympics ha provato sulla sua pelle questa sensazione e si porta nel cuore per sempre un’esperienza unica.

Nella recente tappa di Lodi è stato proprio un membro del team volontari Mitsubishi Electric che ha letto il Giuramento del Volontario di fronte alla numerosa platea intervenuta e descrive così la sua esperienza: “E’ stata una grande emozione dare voce a questo motto che sottolinea la forza che nasce solo dall’unione e dà speranza e fiducia nel rendere i sogni possibili. Essere a fianco di questi atleti speciali e condividere il loro contagioso entusiasmo e passione, è stata un’esperienza indimenticabile che ci rende ancora più fermi nella nostra volontà di essere di aiuto e solidali”. Un’occasione unica in cui i volontari hanno avuto l’opportunità di coinvolgere anche i propri familiari, tutti insieme in prima fila, nel supportare i campioni in gara. 

3 giugno 2015

La verità sulle 4 lesbiche e le 2 ultime gaffes del calcio italiano

Ho pensato di parlarne anche io, ma dopo un ragionevole lasso di tempo per smorzare i toni.
Questo potrà forse abbassare i followers, ma credo sia doveroso non andare a trattare certi argomenti con leggerezza.

Inutile dire che l'affermazione, se come sembra sia realmente stata detta, è vergognosa, il problema però è a monte.
Il problema è pensare che il calcio femminile sia un problema e non una risorsa.
In tempi in cui anche il calcio perde tesserati, valorizzare anche il calcio femminile sarebbe la cosa più intelligente da fare. 
Non è il caso di fare niente di speciale, basta copiare.
Chi? Semplice, chi sul calcio femminile ha basato l'intero movimento, ovvero gli USA.
A basso costo sui social networks si lavora sodo sull'immagine delle atlete e sulla loro bellezza.
Un tipo di approccio che ben riesce in Italia con il volley che quindi non può dirsi del tutto nuovo nel nostro Paese.

C'è poi il discorso dirigenti, Belloli, dopo Tavecchio, hanno fatto sproloqui non da poco, ma la domanda è sempre la stessa, quando dirigenti formati? Quando nei quadri dirigenziali si darà spazio a chi lavora con professionalità e non ad amici e figli di amici? A cominciare dalla federazione centrale.

2 giugno 2015

Social Network: Ecco perchè anche se hai un volontario devi affidarti ad un professionista

Nel mio lavoro capita spesso di fare incontri o telefonate con manager di circoli sportivi.
Tra di essi molto spesso circola una riflessione davvero pericolosa relativa al marketing dei social networks.
Se Facebook e Twitter li riesco  a far gestire ad un volontario, e cioè a costo zero, perchè dovrei farlo gestire a pagamento da un professionista?

Prendiamo lo stesso ragionamento e poniamolo ad esempio ad un massaggiatore nel momento in cui avete la spalla o il collo dolorante, voi da chi andreste?
Il professionista sa sempre dove mette le mani, sa come fare per non fare danni e magari anche per farvi stare meglio, il volontario no.

Lo stesso vale per la comunicazione, pasticci fatti a costo zero dai volontari sono poi assai difficili e dispendiosi nel lungo termine in termine di risultati sia del profilo Facebook (likes e followers), sia in termini di visite e aumento dei clienti.

Non fate del male a voi stessi, rivolgetevi sempre a professionisti del settore, qualsiasi cosa sia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...