Articoli in Evidenza

31 ottobre 2014

video FISI: nazionale di sci 2014 ad Ushuaia

Il video non è niente di che...
ma è la dimostrazione come noi italiani riusciamo a fare male le cose.
Altre nazionali fanno video con attenzione ed impegno, noi solo per divertimento personale stravolgendo il significato di questi video...


29 ottobre 2014

Dite a Moratti che l'Inter non è un giocattolo

C'è stato lo strappo. Ci sarebbe stato prima o poi...
PErchè? Semplice! La concezione che si ha del calcio e delle società sportive è differente.
Moratti vede l'Inter come una passione di famiglia, mette denaro all'interno per raggiungere obiettivi, non importa la cifra, l'importante è il successo finale.
Thoir ragiona in modo differente, bisogna fare il massimo con una cifra specifica già impostata ad inizio anno e massimizzare la resa degli investimenti.
Chiaro che con questi due approcci opposti non si può fare altro che dividersi!
Basti pensare che Moratti avrebbe licenziato Mazzarri, con relativo aggravio delle tasche interiste.
Per fortuna dell'Inter però il presidente è Thoir e molti dirigenti di vecchia scuola capita la solfa lasciano il posto, presto la società sarà professionale e professionistica sotto ogni aspetto.
Da professionista dello sport dico "grazie Thoir".

28 ottobre 2014

Lebron James e i tweet alcolici

Probabilmente i più attenti hanno già saputo dell'inconveniente accaduto al campione NBA su Twitter.
Il fatto è molto semplice, ma significativo. In pratica James voleva del vino da parte di Bledsoe, ex stella NFL dei New England Patriot, ora produttore di vino.
Anzichè mandargli un messaggio privato, per errore (o forse no) è stato messo un tweet pubblico in cui si chiedeva dell'ottimo vino.
La cosa ha fatto scattare una caccia alle streghe in cui ovviamente il colpevole era il campione di basket, reo di chiedere alcolici.
Questo ci fa riflettere su come twitter sia una cassa di risonanza importante quando si è nello sport di vertice e anche che i campioni hanno una responsabilità sociale importante.
Il dubbio però resta se sia stato un incidente o una promozione mascherata.

24 ottobre 2014

Mercedes e la nazionale di calcio tedesca

In Germania la Mercedes ha sfruttato la partnership con la nazionale di calcio con questo spot.
Da noi? Ovviamente non si fa e si spendono soldi malamente.


22 ottobre 2014

Lega Basket: Marino e le televisioni

Su "SportWeek" di due settimane fa Fernando Marino, presidente della Lega basket, face una affermazione interessante su cui vorrei riflettere.

"Speriamo in futuro di avere tanti soldi dalle tv da dover litigare per dividerceli".

Ora è importante dire che non si deve dimenticare il contesto e la domanda dalla quale è scaturita la risposta, ma è altrettanto vero che è abbastanza in voga tra i dirigenti sportivi italiani vedere nei diritti televisivi la panacea dei conti economici delle società.
Ma non è così.

Nel mondo evoluto (in ambito sportivo), i diritti televisivi diventano una fetta sempre più piccola, il merchandising da noi quasi inesistente in molti sport anche di vertice è spesso l'entrata più importante o una delle tre maggiori, i biglietti sono sempre venduti perchè anche il servizio durante il match è all'altezza delle aspettative del tifoso.
Dobbiamo quindi pensare a queste cose e non alla televisione, se poi arrivano anche le tv meglio, ma essere economicamente sufficienti da soli significa anche poter scegliere la televisione più in linea con i nostri obiettivi a lungo termine e non quella che offre economicamente di più.

21 ottobre 2014

Fincantieri alla Barcolana: sponsorizzazioni mirate, in Italia si può

Finalmente qualcosa di importante sta accadendo nel settore sponsorizzazioni.


Fincantieri ha deciso di sponsorizzare una barca (restando sulla tematiche di produzione visto che produce navi) e a Trieste (luogo dove ha stabilimenti).

Investe non per utilità sociale ma con l'obiettivo dichiarato di immagine.

Che qualcosa stia cambiando nel panorama dei marketing manager d'azienda?
Lo sport deve essere visto come investimento d'immagine e non come costo!
Sarebbe interessante anche comprendere come sia nata questa sponsorizzazione,
tu che leggi hai possibili abbinamenti sport-azienda che ti vengono in mente?
Penso che molti stiano già pensadoli a dimostrazione che è abbastanza semplice trovarli, il complesso spesso è convincerli...

Grazie agli amici di SailBiz per averci dato questa notizia.

15 ottobre 2014

Sicurezza Stadi a carico delle società sportive: cosa buona fatta male

Che la sicurezza degli stadi competa in parte come costo alle società sportive è una cosa assolutamente corretta.
Il principio che chi è causa di un costo non debba gravare sulla collettività è più che legittimo.
Scorretto però, è come il governo Renzi ha impostato la cosa. In particolare sulle tempistiche.
Lo sport ha i suoi tempi, la politica pure. Così è capitato che le squadre di calcio abbiano preventivato dei costi per la sicurezza per il 2014/2015 e che a causa della legge questi siano aumentati a dismisura, rendendo i bilanci totalmente incontrollabili alla voce costi per la sicurezza.
Visto il problema, si poteva rendere attiva l'idea a campionato concluso, in tal modo i bilanci sarebbero stati preventivati in modo corretto.
Bisogna infatti, pensare che vi sono società collocate in borsa e che a causa di tali costi possono vedere una variazione del titolo nel breve-medio periodo.

14 ottobre 2014

Alonso/Vettel: questioni di marketing in Ferrari

Alonso sembra sulla via dell'addio.
A livello di qualità tecniche ci sono varie opinioni e come sapete non si entra mai su queste discussioni in questo blog.
Entrerei invece con il parlare di marketing e di immagine di Alonso, ma anche del possibile successore e cioè Vettel.
Il quotidiano "la stampa" in data 12 marzo 2014 riportava una ricerca che dice che Alonso in Ferrari guadagna 18 Mln di Euro di ingaggio e ne prende 12 Mln dai contratti di immagine.
Vettel in questo è nettamente indietro con 15 Mln di ingaggio e solo 3 di contratti di immagine, in pratica sommando ingaggio e sponsorizzazioni di Vettel si ha il solo ingaggio in Ferrari di Alonso...
Se le pretese economiche di Vettel non saranno alte come quelle di Alonso allora si può dire che già parte del denaro in Ferrari e stato spostato allo sviluppo tecnico ottimizzando le sponsorizzazioni del team.
Perchè però questa disparità?
Una ricerca rivela che Alonso piace anche a chi non lo conosce, mentre Vettel un po' meno oltre a essere conosciuto meno (nella speciale classifica è terzo dopo Alonso e Massa).

10 ottobre 2014

Alta Quota 2014: intervista al dott.Pagnoni della fiera di Bergamo

Per prima cosa grazie dell’intervista al Dott.Pagnani.


Ci dica, quali sono gli obiettivi della fiera per il 2014?
Obiettivo della XI edizione è come sempre presentare al pubblico una proposta che permetta di soddisfare gli eterogenei gusti di chi la montagna la ama, la frequenta o intende iniziare ad avvicinarsi. Il format della manifestazione prevede una completa area espositiva (sono rappresentati molteplici settori di discipline outdoor: trekking, sci alpino, snowboard, nordic walking,…) a cui si affianca un ricco calendario di appuntamenti in un’area esterna dove poter provare gratuitamente sia strutture che attrezzatura tecnica.

Si nota dal libretto 2013, una presenza alta di operatori lombardi e trentini, poca invece la presenza del nord ovest sarà così anche nel 2014? Come se lo spiega?

Bauer Hockey: video virale per promuoversi

Come far sognare un tifoso?
Facendogli vedere i virtuosismi dei campioni...


8 ottobre 2014

Bormio e Valtellina: suicidio in diretta

Il 28 dicembre si sarebbe dovuta tenere la gara di discesa libera di sci a Bormio.
Grande impatto mediatico a livello mondiale, tv da tutto il mondo, appassionati che non vedevano l'ora di emozionarsi nel vedere un tracciato così bello e pieno di sorprese, sempre.
Doveva, i responsabili degli impianti hanno detto che preferiscono non privare delle piste coloro che si trovano nella località in quel periodo.


Suicidio e anche dei più assurdi.

7 ottobre 2014

Indian Super League: il calcio e i nuovi confini

Il problema del calcio in India è che ha un pubblico di 200 milioni di persone, ma non di calcio nazionale.
Il campionato nazionale è nato nel 1996. A causa di corruzione e scarsa qualità dei giocatori, l'India si trova al 150° posto in classifica FIFA.
Nel 2010 con l'aiuto dellam IMG la federazione indiana ha creato la Super League, un campionato che ricalca l'esperienza del campionato di cricket.
Dura due mesi, accoglie società come franchigie, ma il problema sono gli stadi troppo vecchi e manca organizzazione così da disincentivare gli investitori.
Nel 2014 però dovrebbe cambiare la situazione, infatti la IMG ha investito migliaia di Euro per le infrastrutture e la promozione.
Le otto squadre hanno ricevuto 15M€ ciascuna. Certo sono sotto lo sguardo delle società europee tanto che Atl. Madrid darà il suo nome alla squadra di Calcutta, Anche la Fiorentina ha accordi con società del luogo.
Molte anche le presenze di stelle del calcio, di Del Piero abbiamo già parlato, ma ci sono anche altri come Treseguet, Pires, Luis Garcia, etc.
Si sta cercando quindi di aprire un nuovo mercato calcistico, dopo aver già vinto la prima battaglia in Cina.

4 ottobre 2014

Sport Finance: il futuro in un convegno



Nella giornata di sabato 11 ottobre terremo un convengo su Sport Finance e sport marketing.
Sarà un occasione per promuovere una cultura sportiva importante, per tutte le società CONI, UISP, CSI o altre sigle interessante indubbiamente un modo per approfondire tematiche legate alla nuova modalità di finanziamento sportivo che può aiutare o sostituire la classica sponsorizzazione.

Qui il link per iscriversi e avere informazioni sul dove e come

3 ottobre 2014

Video di sport: la telecronaca di basket spagnolo più emozionante che ci sia

Per chi non conoscesse questo video è da vedere, ancora meglio da ascoltare...
il telecronista alla fine sembra sia ancora vivo e in circolazione nonosotante sembra abbia un crepacuore in diretta..


1 ottobre 2014

Chevrolet Trax e Manchester United: co-marketing vincente

L'idea è del 2012, oggi però la Chevrolet è sulle maglie come primo sponsor per cui deve essere un comarketing andato bene, con soddisfazione da ambo le parti.
Parliamo del Chevrolet Trax logato Manchester United.
Un raro esempio di come una azienda usi anche a propri fini commerciali le partnership con la squadra di calcio a cui si lascia identificare.
La Jeep, per esempio, in Italia con la Juventus non è arrivata a tanto, semplicemente ha creato un numero limitato di veicoli zebrati, che potevano quindi essere identificanti anche con altro.
Niente loghi, niente scritte.

Certo la sobrietà non è di questi prodotti, ma quante aziende sono in grado di spendere molti denari per una sponsorizzazione per poi sfruttarne appieno il potenziale?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...